Home

Biografia

Presentazione dei libri

Scrivi

Klem D'Avino

Nascere donna

Raccolta di racconti dedicate alla condizione della donna nel mondo

 

PREFAZIONE
di Michela Buonagura
 

Ne Il secondo sesso, Simone De Beauvoir scriveva: “Questo è un mondo che è sempre appartenuto al maschio”, sottolineando come, da sempre, i maschi hanno comandato in famiglia, hanno gestito il potere, hanno scritto le leggi e la storia, tramandando un’immagine della donna a loro uso e consumo.
Ancora oggi, nonostante la lotta condotta dalla donna per l’emancipazione e l’acquisizione degli stessi diritti dell’uomo, permane un’immagine negativa della figura femminile che condiziona tutta la sua vita.
E non si tratta solo di volontà di escludere le donne dal potere, ma soprattutto di ignoranza dell’universo femminile.
È come se anni di lotta fossero passati invano o fossero stati vissuti solo dalla donna, mentre l’uomo se ne stava in disparte, come se quella lotta non coinvolgesse anche lui, mettendo in discussione il suo atavico modo di pensare. Così, se da un lato si raggiungevano obiettivi pratici, il pensiero è rimasto fermo alla visione arcaica di un femminile peraltro sconosciuto.
Solo così si possono spiegare i reiterati usi del corpo femminile come oggetto di consumo, un corpo che balza fuori nudo in ogni occasione, immotivata occasione, perpetrando, in modo consapevole o no, un archetipo negativo di donna solo sesso.
Le conseguenze sono funeste, perché spingono al diritto allo stupro, fisico e ideologico.
Occorre contrastare quest’idea per sperare in un’effettiva liberazione dal negativo, e questa lotta deve coinvolgere sia l’uomo che la donna.
Questo si può ottenere solo attraverso la comunicazione.
I racconti di Klem D’Avino operano in tal senso.
Sono narrazioni. Il pensiero diventa parola e atto. Contro le ingiustizie, contro la violenza, contro un uso del corpo che offende, accarezza quei corpi devastati.
Qua e là si sente la sua rabbia, che esplode improvvisa, un grido contro il Male personificato dal maschio, come un eroe della parola che vuole salvare la vestale violentata, la donna pretesa a forza da uomini di potere, politico e religioso, la straniera costretta alla prostituzione, la prigioniera delle norme religiose, la sfruttata dal padrone.

Richiedi libro a libri@akkuaria.org

2012 © Associazione Akkuaria 
www.akkuaria.org